x
Chiudi

Choose your language

Choose your language:               
x
Chiudi

Inserire username e password

Adesso sei qui:   HomeScopri FirenzeViaggiatori Business

Convento di San Marco

 

La chiesa e il convento di San Marco vennero eretti originariamente per essere destinati ai monaci Silvestrini. Nel 1300 la chiesa era già attiva come chiesa parrocchiale. I monaci furono costretti ad abbandonare il convento con l'accusa di decadenza della regola e nel 1435 il convento passò ai Domenicani.

Nel 1437, per volere di Cosimo il Vecchio, iniziarono sotto la direzione di Michelozzo notevoli opere di ristrutturazione e nel 1443 il complesso fu consacrato dal cardinale Niccolò, arcivescovo di Capua. La sagrestia, come l'abside quattrocentesca a cui si può accedere con permesso, sono di Michelozzo.

All'interno si trova la figura giacente di Sant'Antonino, bronzo atttribuito al Giambologna. Gli affreschi sulla cupola, del 1717, sono di Alessandro Gherardini su disegno di Angelo Ferri. La facciata della chiesa, realizzata fra il 1777 ed il 1778, è di fra' Paladini.

Di fianco alla chiesa vi è l'ingresso al convento di S. Marco, uno dei centri nevralgici della Firenze quattrocentesca per il favore di cui godeva presso Cosimo il Vecchio e Lorenzo il Magnifico. Il Museo di San Marco occupa gli spazi del nucleo più antico del preesistente convento.

Il piano terreno ospita, intorno al grande chiostro attiguo alla chiesa, gli ambienti nei quali si svolgeva la vita comunitaria: l'Ospizio per i pellegrini adiacente all'ingresso, la Sala capitolare, la Sala del Lavabo, il Refettorio e l'attiguo spazio riservato alla cucina e ai locali di servizio; vi si trova anche un altro piccolo chiostro quattrocentesco, detto Chiostro della Spesa, e un cortile, la cosiddetta Corte del Granaio.

Quasi parallelamente alla sistemazione architettonica, l'edificio si arricchì di uno straordinario ciclo di pitture eseguite dal Beato Angelico che visse e lavorò nel convento (1387 e 1400-1445) nelle celle (Annunciazione e storie della vita di Gesù), nei corridoi, nel chiostro, nella Sala capitolare (Crocifissione).

Il museo offre ai visitatori un esempio di convento del 15° secolo perfettamente preservato, il suo progetto razionale e armonioso basato sulle idee del Brunelleschi. Ogni cosa è disegnata per coordinare e semplificare la vita monastica fare le mura, nel chiostro di quiete, così come nella libreria piena di luce, uno dei più bei interni del Rinascimento.

Dall'altra parte, il museo contiene anche i lavori di Fra' Angelico nella forma di affreschi interni e pannelli disposti nella grande casa carità. Il Museo contiene anche uno splendido affresco di Ghirlandaio rappresentante "L'ultima Cena" della fine del 15 secolo, e, nella prima libreria pubblica del Rinascimento, una collezione rara di manoscritti.

Per informazioni:

Museo di San Marco
Piazza San Marco, 3
Tel055.2388-608/704
Orario: Da lunedì a venerdì: 8.15-13.50; sabato e domenica: 8.15-18.50 (chiuso I, III, V domenica del mese, II e IV lunedì del mese, 1° gennaio, 1° maggio, 25 dicembre)
Ingresso: Intero: € 4,00; ridotto: € 2,00 (cittadini UE tra 18 e 25 anni, insegnanti); gratuito (cittadini UE fino a 18 anni, oltre 65, scuole con prenotazione, ICOM)


Cerca hotel

Cerca il tuo hotel inserendo i dati di seguito:

Data di arrivo:  
Data di partenza:  
Persone:
Camere:
   
 

Scelti dai viaggiatori

Hotel di lusso
DEMIDOFF COUNTRY RESORT   129,00 €
HOTEL KRAFT   119,00 €
Hotel fascia media
Cavaliere   59,00 €

Rss Feed

SINTONIZZATI SU FIRENZE!
Rimani sempre aggiornato su news,
offerte ed eventi a Firenze iscrivendoti al
Feed RSS di Firenze Albergo!
Simple Booking™
Forniture Alberghiere
QNT - Siti web e marketing turistico